STORIA DELLE PROFESSIONI GIURIDICHE

PROF.SSA: STEFANIA TORRE

RIFERIMENTI:  stefania.torre@unina.it

RICEVIMENTO: Mercoledì dalle ore 9:00 alle ore 11:00, via Mezzocannone 16, 2° piano.

ORARIO DELLE LEZIONI: Martedì, giovedì e venerdì dalle ore 11:00, dal 7 marzo, presso Via Mezzocannone 16, II piano

PROPEDEUTICITÀ: nessuna.

 

OBIETTIVI FORMATIVI:  L’obiettivo primario del corso consiste nel dare spunti e aprire qualche finestra sulle professioni giuridiche presenti oggi al termine del corso di laurea in Giurisprudenza, capire come è cambiato nel tempo il peso di tali professioni e perché hanno oggi tali caratteristiche. Il programma è da definire con i collaboratori, ma pensiamo di far adottare un testo di M.Malatesta (1 capitolo introduttivo) mentre siamo indecisi se proporre un capitolo della mia monografia sugli atti di parte degli avvocati napoletani dell’Ottocento.

 

SVOLGIMENTO DEL CORSO:  Il corso verrà integrato con seminari ed incontri con i professionisti del settore per dire oggi cosa serve per esercitare queste professioni, quali conoscenze acquisire per farsi strada in questi ambiti lavorativi, dando uno sguardo oltre i percorsi istituzionali. Sono previste varie iniziative, ad esempio una collaborazione col prof.Prisco, titolare di un nuovo complementare (Diritto e Letteratura), o ancora s’intende creare un ciclo di seminari di scrittura giuridica.

 

PROGRAMMA DI ESAME: Pagina docente

 

POST LAUREAM: L’Università non prepara alle professioni: la sua funzione è trasmettere competenze e conoscenze solide per poi scegliere un percorso professionale.Il giurista è un interprete dei fenomeni sociali, lo storico del diritto è un osservatore e grazie agli strumenti che ha, riesce ad intuire meglio certe dinamiche, realizzando un’analisi comparativa.La formazione deve andare oltre il solo profilo tecnico ed aprirsi anche a conoscenze extragiuridiche, essenziali per svolgere al meglio anche la professione più tecnica, nonché per capire le scelte del legislatore, che prima di tutto è un uomo e non una macchina spogliata da sentimenti e pregiudizi.

 

Author: Francesca Bellisario

Share This Post On

Rispondi