PROCESSO CIVILE TELEMATICO

PROCESSO CIVILE TELEMATICO

PROFESSORE: DE VITA FABRIZIO

RIFERIMENTI: fadevita@unina.it

Pagina del docente

ORARIO DELLE LEZIONI: Il corso di Processo Civile Telematico si svolgerà a partire dal 19 marzo, secondo il seguente calendario: giovedì 19 marzo, venerdì 20 marzo, giovedì 26 marzo, venerdì 27 marzo, giovedì 16 aprile, venerdì 17 aprile, venerdì 30 aprile, giovedì 7 maggio, venerdì 8 maggio, giovedì 14 maggio.

PROPEDEUTICITÀ: Diritto processuale civile (6 cfu) 

OBIETTIVI FORMATIVI: 

l’insegnamento intende fornire le conoscenze e gli strumenti 
metodologici fondamentali per comprendere e analizzare la disciplina della formazione e della trasmissione in forma telematica degli atti del processo civile. L’obiettivo è mettere in grado lo studente di confrontarsi con le problematiche applicative che la telematizzazione del processo ha posto e sta ponendo nella dinamica del processo civile, al fine di individuare soluzioni che siano ben coordinate e compatibili con in principi e le regole generali del c.p.c.

PROGRAMMA D’ESAME:

– Il documento informatico; la firma digitale; il domicilio digitale: la PEC ed i relativi indici ed elenchi pubblici.
– Le notificazioni telematiche dell’ufficiale giudiziario e degli avvocati.
– La procura alle liti. La costituzione in giudizio. Il pagamento telematico delle spese di giustizia.
Le comunicazioni digitali degli atti processuali.
– Il deposito telematico degli atti. L’obbligo di sinteticità degli atti e provvedimenti depositati telematicamente. L’attestazione di 
conformità all’originale. Il fascicolo informatico. La produzione di documenti probatori su supporto informatico.
La telematizzazione della consulenza tecnica d’ufficio.
– Il procedimento monitorio telematico.
– Il processo esecutivo informatizzato. La digitalizzazione delle procedure concorsuali.
– Cenni alla telematizzazione del processo amministrativo e del processo tributario e contabile.
– Forme digitali in alcuni procedimenti comunitari.

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLE LEZIONI: 

Il percorso formativo coniuga il trasferimento delle conoscenze teoriche, con la capacità di applicare, in concreto, tali conoscenze. A tal fine lo studente dovrà acquisire la capacità di esaminare criticamente le fonti normative del processo civile telematico, nonché la giurisprudenza formatasi sulla loro interpretazione, ed elaborare capacità pratiche di analisi e comprensione dei provvedimenti, nonché di redazione e trasmissione telematica di atti del giudizio, anche attraverso la simulazione in aula di attività processuali.

POST LAUREAM:

la conoscenza delle problematiche giuridiche e applicative del processo telematico, costituisce notoriamente una skill molto  ricercata, anche fra i neolaureati, nel mondo delle professioni legali.

 

 

Author: Rita Caso

Share This Post On

Rispondi