Parigi

WhatsApp Image 2017-01-27 at 16.29.53

1) Costo della vita (appartamenti, trasporti, cibo, cellulare, alcol e divertimenti)
Parigi é abbastanza cara.
Appartamenti: volendo fare un paragone con città italiane,ha più o meno i prezzi di Milano , forse un filino piu cara. Io pagavo 400€ al mese (molto fortunata ) per una casa vicino l’arco di trionfo e che era di 40 mq. La condividevo con altre tre ragazze ed era divisa in due ambienti più mini bagno , quindi di fatto il prezzo corrispondeva ad un posto letto. Alcuni miei amici pagavano 600€ a testa per una casa quartiere montmartre e con stanze singole e diciamo che questo era un prezzo standard per una singola.
Trasporti:Per il pass navigo ( abbonamento mensile ) il prezzo aumenta p diminuisce in base alle zone; io frequentando l’Università di nanterre che é dopo La Défense pagavo 80/90€. I bus notturni sono efficienti e comodi.
Cellulare: Non feci alcun abbonamento perchè sarebbe stato per solo 4/5 mesi.
Alcol: birra piccola almeno 5€.
Divertimento: Ci sono tanti locali in cui andare a bere qualcosa.In settimana ci sono sempre feste erasmus oltre ovviamente ad altre serate in discoteca non organizzate dalle associazioni erasmus..unica pecca dei café è che non chiudono molto tardi: son capaci di cacciare verso l’1/1.30 di notte per dover pulire e chiudere.

2) Descrizione dell’esperienza universitaria
L’università di Nanterre Paris X è fighissima.
É un campus dotato di palestra ,mensa, cafè, biblioteche,teatro,prati con tavoli e unisce tutte le facoltà e gli indirizzi.Dei corsi erano a frequenza obbligatoria ed altri no
I prof tutti molto disponibili,mentre è proprio il sistema universitario francese ad essere totalmente diverso:è importante scegliere i corsi giusti la cui somma dei cfu corrisponda agli esami italiani che si intendono convalidare

3) Perché, in generale, partire come studente erasmus e perché, in particolare, scegliere la tua meta?Dai qualche consiglio utile.

Come consiglio direi di iniziare a cercare casa il prima possibile perché è quasi impossibile trovare un tetto a Parigi.Inoltre consiglio di informarsi al caf per il Contributo studenti fuori sede.
In base al periodo scegliere l’abbonamento dei mezzi più conveniente.
I musei sono quasi tutti gratis per gli under26,quindi il consiglio é di girare sempre con carta d’identità e tessera studenti.
Sceglierei Parigi perché nonostante sia cara,c’è sempre un angolo della città che ti stupisce. E’ una città che non ti stanca mai.

(Ringraziamo Livia di minno)