Obiettivo primo anno: gli esami di Privato e Costituzionale

Guida pratica per le aspiranti matricole.

Cari ragazzi, da qualche giorno oramai è iniziato finalmente il vostro primo anno accademico e come ogni inizio che si rispetti l’elemento principale che vi accompagna è la novità: nuovi compagni, nuovi professori e soprattutto nuove materie da studiare. In quest’ultimo caso la novità suscita paura, paura di non farcela, di non riuscire a studiare tutto e superare al meglio gli esami. Sicuramente, oltre le materie romanistiche fondamentali per la formazione del giurista, i due ostacoli principali da superare durante il vostro primo anno sono diritto costituzionale e diritto privato.

Queste due materie hanno una valenza fondamentale, non solo sul vostro piano di studi in quanto rappresentano 14 e 13 c.f.u, ma soprattutto sulla vostra formazione personale al fine di fornirvi lebasi solide per affrontare il resto del vostro percorso universitario e in quanto tali richiedono uno sforzo non indifferente non solo da parte vostra ma anche dai docenti che le insegnano. Il primo modo per arrivare più consapevoli all’esame, soprattutto con diritto costituzionale, cari ragazzi è partire da voi stessi. Diritto costituzionale è una materia viva, una materia che ci circonda e regola ogni aspetto della nostra vita, anche quello più elementare come la convivenza. Semplice quanto essenziale per definirci cittadini, in soli 139 articoli, e prima ancora uomini: è come noi in continuo mutamento.

Sfruttate la velocità di circolazione delle notizie e l’essere facilmente accessibili di quest’ultime per capire in primis ciò che vi circonda e poi affidarvi al manuale per apprendere le nozioni più dettagliate, solo cosi l’esame non sarà fine a se stesso e capirete realmente cosa sta accadendo, perché essere giovani e consapevoli dei propri diritti  è uno degli elementi chiave che manca al nostro paese e questo ci ha portati verso un irreversibile ”crisi sociale” di cui noi stessi paghiamo le conseguenze. Un po’ meno discusso ma altrettanto importante per noi è il diritto privato, che affronterete durante il secondo semestre, dietro centinaia e centinaia di pagine che dovrete affrontare e controverse interpretazioni di ogni singolo articolo del codice civile si nasconde un filo conduttore molto più semplice di quanto si pensi, basta trovarlo e non solo ciò vi renderà l’esame molto più semplice ma vi darà un metodo di studio che vi servirà per il futuro, studiate in modo critico e non limitatevi ad un semplice ”imparare a memoria” ciò che il manuale dice perché talvolta interrogarsi è il miglior modo per capire. Insomma ragazzi, armatevi di tanta voglia di fare e pazienza perché lo studio del diritto questo richiede, non si sa mai abbastanza e tutto muta velocemente e se vi capiterà di cadere non fermatevi ma abbiate il coraggio di rialzarvi;un esame può andare male, ma non è l’esame della vostra vita e anche se vi potrà sembrare la fine del mondo ricordate che sbagliando si impara, questo vi spingerà a fare meglio, a fare di più e a capire i vostri errori. Come dice Scalfari, ” Il desiderio è tutto” e voi non smettete mai di cederci; è sempre meglio fallire tentando che non tentare affatto, ad maiora semper.

 

P.s. Visitate la nostra pagina StudentidiGiurisprudenza.it e troverete schede di tutti i professori, programmi d’esame e uno staff pronto a rispondere a tutte le vostre domande.

 

-Rosa Coppola

Author: StudentiGiurisprudenza.it

STUDENTIGIURISPRUDENZA.IT L'Associazione degli Studenti di Giurisprudenza della Federico II Napoli

Share This Post On

Rispondi