Nella libreria di uno studente di giurisprudenza.

Chi si nutre di libri impara a conoscere sé stesso, scova le proprie idee tra le parole di altri e le proprie passioni nella vita dei protagonisti. Quali sono, dunque, i libri che riescono a fare breccia nei sogni dello Studente di Giurisprudenza?

  • Thriller giudiziari Lo studente che studia procedura civile, penale e amministrativa, senza aver mai messo piede in un tribunale, fa fatica ad immaginare un vero processo. I legal thriller sono un tripudio di indagini, peripezie e strategie processuali. Sono scritti dettagliatamente e mai senza passione da chi sta sul campo, da ex giudici o da grandi avvocati. Re indiscusso del genere è John Grisham, avvocato penalista, autore di oltre trenta romanzi thriller, molti dei quali hanno ispirato film di successo. Il romanzo in cui gli studenti inesperti si rispecchiano maggiormente è L’uomo della pioggia, incentrato su un caso di frode assicurativa. Lo scrittore contrappone il comportamento integerrimo di un brillante studente di legge, Rudy Baylor, a quello dello spietato studio legale che rappresenta una compagnia assicurativa, rifiutatasi di pagare un cliente malato di leucemia. La storia è emozionante e la narrazione avvincente, vivace, scorrevole. Grisham conquista il lettore fino all’ultima pagina.
  • Thriller Psicologici Il libro psicothriller per eccellenza è Il ladro di anime di Sebastian Fitzek, un romanzo inquietante, a tratti horror, adrenalinico, feroce, che desta tensione, ma che i lettori incalliti divoreranno in sei giorni. Ambientato in una clinica psichiatrica della periferia di Berlino, ci conduce nei meandri della psiche di Caspar, un paziente affetto da amnesia e travolto dal suo passato misterioso. Nel frattempo, un astuto maniaco riduce le sue vittime in uno stato vegetativo, lasciando, accanto a ciascuna di esse, un indovinello. Tutte le volte che il lettore crederà di aver scoperto l’identità del killer, sarà smentito da colpi di scena sconvolgenti.
  • Medical Thriller Spostandoci dal campo della criminologia a quello della criminalistica, i lettori vengono catapultati sulla scena del crimine. Più di un secolo fa il medico e scrittore Arthur Conan Doyle attribuì a Sherlock Holmes la capacità di elaborare un profilo, aiutandosi con un’analisi antropologica. Oggi Patricia Cornwell ci guida magistralmente nel mondo della genetica e della biologia forense, in cui l’investigazione in chiave scientifica raggiunge il suo acme. La famosissima scrittrice ha esordito nel 1990 con Postmortem, romanzo epocale, incentrato su una caccia all’uomo diretta dal medico legale Kay Scarpetta. Anche in questo caso dovrete gestire scariche di adrenalina.
  • Polizieschi Domina la raffinata giallista Agatha Christie, scrittrice di trame intricate e intriganti, complesse e particolareggiate. I suoi casi richiedono i servigi degli intramontabili Hercule Poirot e Miss Murple, per i quali nessun dettaglio è trascurabile. L’assassinio di Roger Ackroyd è uno dei gialli più letti di sempre, complice l’originalità dei personaggi che si conoscono tra loro, dediti al pettegolezzo e tutti sospettabili. Diversi casi editoriali stanno, oggi, emergendo dalla letteratura scandinava, al cui vertice si colloca indubbiamente la trilogia Millennium di Stieg Larsson. Dalla penna dello scrittore svedese nasce Mikael Blomkvist, non un normale investigatore, ma un fervido giornalista pronto a tutto per scoprire la verità. L’indagine è il leitmotiv di grandi capolavori, anche nostrani. Nel panorama italiano, non possiamo farci sfuggire il poliziesco Una mutevole verità. È un recente romanzo di Gianrico Carofiglio che, abbandonando il punto di vista dell’avvocato Guerrieri, introduce quello di un maresciallo dei carabinieri, Pietro Fenoglio, descritto dalla critica come il Maigret italiano. Come accade anche in Presunto innocente, thriller giudiziario del precursore Scott Turow, gli indizi spingono il lettore superficiale a credere nella colpevolezza di un unico sospettato. Tuttavia, il lettore più pignolo sa che quasi mai la strada più facile è quella giusta, ma, soprattutto, sa che la responsabilità penale va affermata contro ogni ragionevole dubbio.

Studenti, buona lettura!

Author: Carmela Cordova

Share This Post On

Rispondi