Malaga

15644602_1387720407906241_2120470879_n

1) Costo della vita (appartamenti, trasporti, cibo, cellulare, alcol e divertimenti)

Appartamenti: il prezzo varia dai 150-250€ in zona campus universitario (teatinos) sconsigliabile viverci perché un po’ lontano dal centro, trasporti pubblici notturni poco frequenti e zona piu residenziale. Al centro i prezzi salgono fino anche a 350€ però perfetto per vivere, uscire la sera e ben collegato al campus.
Trasporti: abbonamento mensile tariffa studenti 27€ (include solo autobus, la metro dal centro x il campus è in costruzione), Renfe (linea ferroviaria spagnola) funziona molto bene e ti porta in aeroporto in 10 minuti a 1.65€. Il pulman per l’aeroporto costa 3€.
Cibo: per fare la spesa ci sono ottimi supermercati come il Dia che è diffusissimo e dove si spende davvero poco, o il Mercadona, famosissimo in Spagna, fornito di tutto e di qualità superiore. Io per esempio se faccio 60€ di spesa ci mangio per almeno due settimane.
Cellulare: ci sono varie tariffe tra cui scegliere comprando una scheda spagnola. Per esempio io ho comprato quella di lykamobike.es e pago 15€ al mese con 2gb 500 minuti per chiamare in Italia e 1000 per chiamare in Spagna.
L’alcol: costa davvero poco, forse la cosa che costa meno. Ci sono numerosi locali Erasmus dove si beve a poco e comunque in generale anche per un aperitivo una birra la paghi 1€.

Divertimenti: ci sono molte discoteche, bar dove si balla la salsa e comunque numerose organizzazioni Erasmus come Esn che organizzano sempre eventi divertenti come karaoke o tapastour o feste varie.

2) Descrizione della città e dello svolgimento della settimana tipo di uno studente erasmus (qualità della vita) Malaga, la capitale della costa del sol è una città deliziosa nel sud dell’Andalusia. Non troppo grande ma neanche piccolissima, offre un bel centro storico con cattedrale, teatro romano, castelli (alcazaba, giblalfaro). C’è il porto con un molo delizioso, una bella spiaggia dove si fa il bagno fino a fine ottobre e si ricomincia a marzo perche le temperature lo consentono. È una città piacevole da vivere le persone sono rilassate e sembra di stare sempre un po’ in vacanza. Il centro è piccolo e ci sono tanti locali ed in generale la sera si sta tutti nella stessa zona per cui fare amicizia soprattutto tra Erasmus è facilissimo. La mia giornata tipo è: corsi all’università o servizi a casa (pulire, lavatrice, cucinare) se non devo seguire. Vado in piscina al campus universitario una volta a settimana. Studio in biblioteca nelle ore buche tra un corso e l’altro. Due volte a settimana corso di spagnolo e la sera esco. Sotto esame chiaramente è diverso, si fanno cose più tranquille, magari film a casa e si può studiare anche la notte (le biblioteche restano aperte h24 durante le sessioni d’esame).

3)Possibilità di viaggiare: Malaga è ben collegata al resto dell’Andalusia e con un treno/autobus o con bla-bla car in poco sei a Siviglia, Cadice, Cordoba o Granada. E in ogni caso le stesse organizzazioni Erasmus spesso fanno
viaggi organizzati a cui poter partecipare tipo il Portogallo o per esempio io sono stata in Marocco.

4)Descrizione dell’esperienza universitaria. L’esperienza universitariaè stata positiva, in Spagna è tutto diverso i corsi sono come classi di liceo: non troppe persone, i professiori ti chiamano per nome e sono tutti molto disponibili soprattutto con gli Erasmus. Si fa molta pratica in classe e assegnano esercitazioni da fare su internet e mandare direttamente al professore (campus virtuale). Questo non significa che non si debba studiare: gli esami ci sono e sono scritti, il metodo di valutazione è diverso e sicuramente lo studiare in un’altra lingua (io ho corsi in inglese e spagnolo) può essere difficile. Però sicuramente è un’esperienza stimolante e costruttiva.

5) Perché, in generale, partire come studente erasmus e perché, in particolare, scegliere Malaga? Io ho scelto malaga perché mi piaceva l’idea di stare in una città non troppo grande ma comunque non proprio un paesino. La vita Erasmus è sicuramente più semplice in un posto piccolo. Inoltre il piano di studi che avevo trovato e gli esami da sostenere combaciavano con quelli che mancavano a me. L’uma(universidad de Màlaga) è ben organizzata e ha una buona organizzazione erasmus per cui la consiglierei senz’altro. Perché fare l’erasmus? Per me la domanda è perché non farlo. Per chi come me ha sempre vissuto a casa in famiglia e non è studente fuori sede è già di per sè un’esperienza formativa proprio nell’imparare a gestire tutto autonomamente vivendo da solo e studiando contemporaneamente. In più fare l’erasmus ti permette di conoscere tantissime persone straniere e quindi culture diverse e di stringere belle amicizie, viaggiare e divertirti. Un’esperienza di crescita personale senz’altro che consiglierei a tutti sotto un profilo didattico ma soprattutto perché forse non ti cambia la vita ma di certo te l’arricchisce.
(Ringraziamo Alberta dell’Acqua)