Louvain

16344447_1068841803245136_704774528_n

1)Costo della vita (appartamenti, trasporti, cibo, cellulare, alcol e divertimenti)
Il costo della vita è medio-alto.
Appartamenti:Il prezzo delle camere in case condivise si aggira intorno ai 300-350 euro mensili,comprese le bollette. Gli alloggi universitari sono un po’ meno costosi ma c’è una lunghissima lista d’attesa.
Trasporti:il costo non è altissimo, ad esempio per raggiungere Bruxelles, circa ad un’ora di treno da Louvain-la- Neuve, il prezzo è di 10,30€ (andata e ritorno), dal lunedì al venerdì. Conviene, infatti, viaggiare durante il weekend, in quanto i prezzi per i minori di 26 anni sono leggermente più bassi ( prezzo del biglietto per Bruxelles è di 6€). È possibile anche fare abbonamenti.
Cellulare: i prezzi sono quasi uguali a quelli italiani. Se proprio non si vuole pagare un abbonamento internet, quasi tutta la città è coperta dal wifi universitario.
I supermercati sono piuttosto cari, soprattutto per carne e pesce. Ci sono però catene di supermercati meno costose, come, ad esempio, l’Aldì. Ottime patatine fritte e birra a prezzi giusti!
Divertimenti:qui si usa andare in Birrerie o nelle discoteche, l’ingresso è gratuito. Ovviamente poi ci sono eventi organizzati dagli studenti che talvolta sono a pagamento, ma con prezzi accessibili e alcol sempre compreso nel prezzo.

2)Descrizione della città e dello svolgimento della settimana tipo di uno studente erasmus (qualità della vita)
Louvain-la-Neuve è una piccola città universitaria nella regione Wallonie del Belgio. Città moderna, costruita intorno agli anni ’70. È una città per gli studenti,che ne sono i principali abitanti.
Polo di attrazione per universitari da tutto il mondo! Si respira,infatti, un’aria internazionale.
Ogni sera ci sono sempre tantissimi eventi a cui poter partecipare.Inoltre la città dispone di tantissime biblioteche moderne e confortevoli.
La qualità della vita è piuttosto alta. Città divertente ma allo stesso tempo tranquilla.
3)Possibilità di viaggiare
Siamo nel centro d’Europa, da Bruxelles è facilissimo spostarsi e raggiungere,ad esempio in bus, le principali capitali europee.
In più ci sono tante cittadine del Belgio che sono davvero splendide ( Bruges, Gand, Anversa,Namur) oltre che,ovviamente,Bruxelles. Tutte facilmente raggiungibili in treno.
4)Descrizione dell’esperienza universitaria
Il personale universitario che si occupa delle relazioni internazionali, molto disponibile e gentile.
Per gli studenti di giurisprudenza, è imposto un corso iniziale di introduzione al diritto belga con annesso esame. Ho avuto la fortuna di prendere parte a corsi non troppo affollati, con la possibilità anche di creare un dialogo con i docenti, tutti molto disponibili e simpatici. Si studia molto facendo riferimento alla giurisprudenza, analisi e critica sui testi delle sentenze.
La maggior parte dei corsi si svolge una volta a settimana per due ore. È molto importante ed utile la frequenza ai corsi. L’université catholique de Louvain è un ottimo ateneo per gli esami di diritto europeo, o internazionale.
Per quanto riguarda gli esami, è richiesta una conoscenza teorica ma anche una conoscenza pratica di ciò che si è studiato. È richiesto infatti di sapere trovare soluzioni a casi specifici. La quantità di materiale da studiare è talvolta minore rispetto all’Italia, in quanto, più che la stretta nozionistica, è richiesto il saper ragionare sui vari materiali. La sessione di esami dura 3 settimane, quindi a volte capita di avere esami nell’arco di pochi giorni…occorre dunque studiare durante i corsi. Il periodo di sessione d’esami è chiamato “Blocus”, durante il quale non sono organizzati eventi e le biblioteche prolungano l’orario di apertura, alcune restano aperte 24h.
5) Consigli utili
In Belgio esistono due città che portano quasi lo stesso nome. Non confondete Louvain-la-Neuve (nella parte francofona del Belgio) e Louvain (Leuven, nella parte fiamminga). È molto importante sapere questo, soprattutto quando dovete acquistare i biglietti del treno.
La soluzione più economica per quanto riguarda l’alloggio è sicuramente vivere in “Kot à Projet”, case di studenti che portano avanti progetti/tematiche precise (es. l’ambiente,la musica, i fumetti, la birra, la cultura orientale,le relazioni internazionali..alcuni kot sono in collaborazione con enti, come ad esempio Amnesty international) , semifinanziati dall’università e ottimi per conoscere e convivere con tante persone (alcuni di essi contano addirittura 30 persone).
Agli inizi, per conoscere nuove persone, consiglio gli eventi dell’ ESN e le serate organizzate dal Kot Erasmus.
6) Perché, in generale, partire come studente erasmus e perché, in particolare, scegliere la tua meta?
Il popolo belga si è dimostrato uno dei più gentili in Europa. In questa città sono abituati ad avere studenti stranieri, quindi sono tutti sempre molto gentili e disponibili ad aiutare chi si trova in difficoltà, anche dal punto di vista linguistico.
Una città fatta solo di studenti, dove gli interessi personali sono valorizzati e dove si può vivere a pieno l’esperienza Erasmus. Un luogo per respirare un’aria internazionale, e conoscere persone da tutto il mondo.

Ringraziamo Mirella Maselli.