Leon

cattedrale-di-leon

1) Costo della vita (appartamenti, trasporti, cibo, cellulare, alcol e divertimenti)

Il costo della vita è assolutamente accessibile. Gli appartamenti, inteso come stanza in casa condivisa, vanno dai 130€ senza utenze ai 250€, utenze incluse che, in una città come León – fredda -, potrebbe risultare un vantaggio, potendo sfruttare sempre e comunque i riscaldamenti della casa.
Appartamenti:consiglio assolutamente di affittare una stanza vicino al centro – per intenderci, max a 8-10 minuti a piedi dalla Cattedrale di León -, perchè è in quella zona che si concentra tutto; ristoranti, bar dove approfitterete delle tapas più buone della Spagna – non lo dico io, ma gli esperti ed i giornali -, e sopratutto divertimento, su cui torneremo.
Trasporti: i bus funzionano perfettamente ed il costo del biglietto è di 1,20 per tratta. Tuttavia, una volta effettuata l’iscrizione presso l’Università di León, potrete beneficiare di una bicicletta, previo versamento di una cauzione di 50€, che sarà restituita alla consegna della stessa.
Personalmente, tuttavia, consiglio di approfittare del bel passeggio che offre la città, avvalendosi talvolta del servizio di trasporto urbano efficientissimo.
Cellulari:le tariffe telefoniche sono tantissime, troverete offerte (Orange) con le quali avrete 1,2 GB di internet per 12€ mensili; io, personalmente, usavo Tuenti (una longa manus di Movistar, che troverete sia a Plaza Santo Domingo che a Calle Padre Isla, che offre per 12€ mensili 1 GB di internet e chiamate illimitate verso tutti, nazionali ed internazionali. Badate bene, però, è necessario scaricare questa applicazione TUENTI e chiamare in regime di Wi-Fi o 3G, e potrete parlare all’infinito consumando poco (con il 3G) , niente con il Wi-Fi.
Cibo: come detto sopra, una delle cose per cui gli abitanti di León vanno fieri ed orgogliosi. Prodotti tipici come la Cecina ed il Chorrizo che in tutte le città della Spagna spacceranno come fatte in loco, ma vi immaginate se a Padova i ristoratori iniziassero a proporvi Mozzarella di Bufala Campana o Cannoli siciliani?
Ecco, non immaginate.
Oltre queste specialità, è possibile mangiare ottima carne e trovare cucine di tutti i tipi, che soddisferanno le vostre mancanze.
Ma i supermercati, in quel di León, sono straordinari. Tantissimi supermercati nel giro di pochi km faranno in modo che non restiate mai digiuni – anche se in Erasmus la voglia di cucinare non sempre è tantissima -, spendendo veramente pochissimo. Da segnalare il Mercadona ed il Dia come i più economici, troverete anche l’Alimerka ed il Carrefour, dove i prezzi sono – di poco – più alti.
Divertimenti:In una zona fantastica, definita Barrio Humedo (ah, per farvi capire, “humedo” perchè la tua gola non dovrà mai essere secca, ma sempre con qualcosa di alcolico bevuto e da bere) ci sono diversi locali. Locali che non corrispondono all’immaginario tipico che abbiamo noi; sono dei bar che si trasformano in dei posti fantastici, pieni di gente e di divertimento.
Il più importante è sicuramente “El Traga” (dove ho lasciato il cuore), perché è lì che ogni martedì sera si incontrano tutti gli erasmus per trasformare un normale martedì universitario in una serata pazzesca, dove tutti conoscono tutti e dove ci si diverte con poco. È importante, per usufruire degli sconti, munirsi della Tessera AEGEE, associazione che cura tutti gli eventi per gli studenti erasmus.
Si passa, poi, al Molly’s Malones, Buddha, Glamour (uno dei pochissimi locali in cui si paga – 6€ con drink-), Delicatessen, Nox ed infine, per gli amanti della notte e del divertimento senza orari, dalle 4 fino alla primissima mattinata ci sarà lo Studio 54, dove incontrerete anche molti ragazzi della città.

2) Descrizione della città e dello svolgimento della settimana tipo di uno studente erasmus (qualità della vita)
La città, come si legge tra le righe sopra, offre molto. Da un pub ad un bar, dal ristorante italiano a quello messicano, da un locale all’altro, avrete sempre qualcosa da fare.
Tuttavia ci sono giorni “morti” come il lunedì, il mercoledì e la domenica dove si preferisce o riprendersi dalla “resaca” del giorno precedente, o vedersi con altri amici erasmus per una cena o due passi tranquilli.
Il martedì, come detto, c’è sempre la serata Erasmus al Traga ed al Molly’s Malones e, alla chiusura del Traga (ore 3.30-4), tutti gli erasmus si ritrovano al Delicatessen, altro bar che accoglie tutti i guerrieri che dopo le 4 hanno ancora voglia di fare festa con gli amici.
Il giovedì ed il sabato sono i giorni in cui gli studenti universitari lasciano i libri sulla scrivania e si fiondano nei locali. Da metà settembre a metà novembre, in questi due giorni, tutti i locali saranno sempre pienissimi, per cui il divertimento è più che assicurato.

3) Possibilità di viaggiare
León si trova a 4 ore di autobus da Madrid, distanza faticosa ma non eccessiva, soprattutto grazie ai comodissimi e confortevoli autobus ALSA, che offre Wi-Fi e tablet per approfittare di qualche film, anche per tenere fresco lo Spagnolo.
Si trova, anche, ad 1 ora da Oviedo in Asturie, posto fantastico che consiglio di vedere; a 2 ore e mezza da Santander, città di mare che, per quelli come noi, potrebbe sembrare un ritorno a casa.
Distanze abbordabili anche per la Galizia, dove le varie associazioni (AEGEE ed ErasmusLeón) si occuperanno di organizzare tours per fare in modo che gli studenti di León approfittino della bellezza della Spagna.
Andando verso il basso, Leon si trova a 2 ore da Valladolid, ma consiglio a tutti di prendere un aereo – da Madrid – e di visitare l’Andalucia, o almeno il triangolo Siviglia-Granada-Cordoba. Vi assicuro che è stato il viaggio che mi ha lasciato più ricordi, proprio perché in quel di Siviglia troverete la Spagna che avete immaginato sempre: sole, persone cordiali e gente che balla in mezzo alla strada. Si, anche questa è Spagna.
4) Descrizione dell’esperienza universitaria
L’università di León è organizzata benissimo, i professori sono sempre cordiali ma è importante, per superare gli esami con un ottima valutazione, essere presenti ai corsi e sostenere le “pratiche-prácticas” che, quasi a cadenza settimanale, i professori fanno svolgere.
Sarete assegnati ad un corso (mattutino o pomeridiano) e, per ragioni organizzative, se siete stati assegnati ad un corso mattutino che coincide, in ore e giorni, con un altro corso, potrete richiedere il cambio di corso in segreteria.
Nel caso in cui gli esami non dovessero superarli alla “primera convocatoria”, potranno essere sostenuti nella “segunda convocatoria” a distanza di pochissimi giorni.
Gli esami quasi sempre più gettonati sono :
-Economia (Economia, fattibilissimo, primo semestre)
-Scienza delle finanze (Economia del sector público, il primo semestre alla facoltà di economia, il secondo semestre presso la facoltà di giurisprudenza, molto impegnativo)
-Diritto dell’Unione Europea (Derecho Comunitario Europeo + Nacionalidad y Extranjeria, secondo semestre, fattibile ed interessante.)
-Filosofia 2 (Teoria del Derecho, primo semestre, fattibile)
-Diritto Ecclesiastico (Derecho de la libertad y de la conciencia, primo semestre, fattibilissimo)
5)Perchè partire come studente erasmus? Perchè uno studente dovrebbe scegliere la tua meta? Dai qualche consiglio utile
Vivete questa esperienza come la più bella che vivrete, siate sempre cordiali con tutti e, soprattutto, legate con persone di tutto il mondo.
L’erasmus è questo. Conoscere culture diverse, vivere abitudini diverse e persone diverse, conoscendo se stessi prima di partire e tornare persone completamente cambiate, più di quanto possiate pensare.
León è una città fantastica per vivere in erasmus, una città – lo leggerete ovunque – a misura d’uomo, tutto concentrato in un centro, che consente di facilitare quegli incontri di cui si parla poco sopra.
Buon Erasmus a tutti voi, #todossomosdeleón .

Ringraziamo Alessandro Di Martino.