I 10 peggiori studenti da evitare prima di un esame

Nel mondo ci sono tante persone di cui diffidare: terroristi, ladri, falsari, truffatori, chi odia il cioccolato e, soprattutto, la brutta gente che si incontra prima di un esame.

L’esame infatti è già di per sé un problema grosso, ma, per rendere la sfida ancora più movimentata, durante la sessione compaiono una serie di figure inquietanti attorno allo studente disperato, quasi come i mostri di Goya. Vediamo chi sono e perché evitarli:

 

  1. Sergente Hartman

hqdefault

Ha una età indefinita, ma generazioni di studenti lo hanno visto passare l’intera giornata in sala studio, passeggiando fra i banchi come un sergente fra le camerate.

Come un dissennatore, si nutre delle paure dei suoi interlocutori: la sua vita è una dolce parentesi fra gli insulti e le previsioni di una bocciatura per tutti i ragazzi che non superano i suoi interrogatori casuali in sala studio. Sarai sempre impreparato per lui.

Hai sbagliato l’impostazione di studio, hai il professore peggiore e tu affronti l’esame con questo sorriso in faccia? Ti pare questa una faccia da esame? Vergogna! A Giurisprudenza si studia, mica stai qua per provarci con le matricole!

OGGI E’ IL COMPLEANNO DEL CODICE PENALE! VOGLIO SENTIRVI CANTARE FORTE GLI AUGURI!

 

  1. Bruto

ts1980v3-72

Confidente, amico, fratello che si incontra al primo anno: ti consiglia il miglior manuale da acquistare e ti spiega in dettaglio il programma d’esame, studia e ripete con te fino a farti perdere ogni incertezza. Stringi un legame di profonda stima e rispetto, progetti già di festeggiare assieme il bel risultato che vi aspetta. Ti aspetta vicino all’aula di esame con un sorriso rassicurante ed una pacca sulla spalla: “vedrai che andrà bene, sei più preparato di me!”.

Dopo la bocciatura scopri che c’era anche un secondo libro da studiare. Lui prende 28 e sparisce.

 

  1. Social

10696183_784813224891066_2262790030737371164_n

Frequentando Facebook con una certa assiduità, si ha la buona sicurezza di conseguire almeno un paio di lauree: tra medici, farmacisti, economisti ed ingegneri, c’è almeno un amico che pubblica ogni giorno le foto della sua scrivania carica di appunti, comprensivi di aggiornamenti e riassunti dei suoi studi. Se non è stato denunciato da nessuno alla SIAE per diffusione di quintali di materiale coperto da copyright, è perché sono tutti impegnati a mettergli centinaia di like compassionevoli. 
Il problema è che agli occhi degli astanti l’esame studiato sembra lo stesso da anni. E forse è veramente così.
Per la cattiveria nel non voler condividere anche la sua laurea dopo anni passati a studiare con lui materie che non ti competono, rientra di diritto nella lista della brutta gente da evitare.

Questo esame di Istologia potresti farlo anche tu: tanto a Giurisprudenza imparate tutte le cose a memoria!

 

  1. Rubentus

1416897519-41moggi1-o

Il numero uno, il più bravo, vince sempre e primeggia in tutto. Guarda con sorriso beffardo il tuo libretto, poi si lava le mani per aver toccato un oggetto così povero di lodi. Entra sorridente in aula, stringe la mano ai suoi amici\fan, bacia la sua ragazza da sogno ed attorno a lui aleggia un’aura leonina.

Forte dei suoi risultati, ha un palmarès di sole eccellenze, ma proprio questo esame l’ha preparato davvero male e rischia la figuraccia.
Un voto mediocre non è però tollerabile: una telefonata del papà avvocato assicura il buon risultato.

Il solito 30… mi aspettavo qualcosina in più

 

 

  1. L’aiutino

LAZIO-INTER:INTERROGAZIONE SENATORI PD,ORA MASSIMA VIGILANZA

La controparte del raccomandato di lusso, non ha interesse per la competizione e punta al risultato. Con un lavoro certosino degno di uno storico, scopre che nel 1750 c’è stato un matrimonio fra un suo avo ed il nonno del nonno del nonno del nonno del professore. Questa simpatica coincidenza è perfetta per aggiungere un esame al libretto: chiederà allo zio notaio di chiamare il professore per ricordargli che in famiglia ci si aiuta sempre. 

Nonostante un colloquio passato a far catenaccio per evitare il tracollo, il professore evita di infliggere il colpo di grazia. L’unica domanda che ha ottenuto risposta certa è stata la richiesta del suo nome, ma questo basta per portare un 20 a casa. Ci può stare.

  1. Il complottista

1fqdn2

Convinto di essere nella cattedra peggiore, nel momento peggiore, nel posto peggiore, nel mondo peggiore. Non ha frequentato i corsi per evitare gli effetti dei messaggi subliminali contenuti nelle diapositive delle lezioni ed è convinto che il professore sia iscritto alla P2. 

Nell’appello precedente sono stati poi promossi troppi ragazzi, stavolta ne saranno bocciati molti per compensazione; ci sono sei capitoli da 66 pagine: è un segno del demonio; se pieghi i due lembi della pagina portandoli al centro, esce un triangolo: è un chiaro simbolo degli Illuminati.

Per non parlare di quell’assistente, proprio quello lì alla fine della cattedra, quel pelato che ghigna malignamente mentre boccia l’ennesimo ragazzo! Ha lanciato un’occhiataccia alla sua prossima vittima, maledetto rettiliano!

Mi odia, si vede da come mi guarda. Ora ci chiama entrambi e verremo bocciati”. Perché, si sa, mal comune mezzo gaudio.

 

  1. Boss dei matrimoni

0124_232536_Ilbossdellecerimonie

Passa un mese a scegliere il vestito dell’esame, i pochi giorni che restano prima dell’appello sono dedicati alla preparazione della materia da una dispensa di 12 pagine.

All’esame si presenta con mamma, papà, fratelli, zii, nonna, migliori amiche, fidanzato e pure il cane, tutti in trepidante attesa fuori dall’aula. Dopo due ore di foto e video da prediciottesimo riversate su Facebook, Instagram e Twitter, scoprirà che la parola “prediciottesimo” era anche un presagio sul suo futuro voto.

Abbracci, lacrime e gioia documentati da numerosi selfie: “ce l’hai fatta! Hai finalmente superato Storia Romana!

  1. Piangina  

10zxu0g

Se creare odio portasse denaro, i suoi guadagni potrebbero azzerare il debito pubblico italiano. Secondo una recente teoria, inoltre, i serial killer guardano per giorni i profili Facebook dei piagnoni sotto esame prima di commettere qualche omicidio.

Paranoico fino alla denuncia per molestie, passa giorni, settimane, mesi a tormentare il tuo affannoso studio: la materia è difficile, i professori sono crudeli, la sfortuna è alle porte, l’esame è compromesso, la promozione è un miraggio. E ancora, messaggi di notte, sguardi persi, pianti e “non lo passo!”: hai i nervi a pezzi, ma ormai inizi a convincerti che, dopotutto, potrebbe anche essere vero ciò che ti viene detto. Forse questo esame è veramente una piaga di Dio e tu sei troppo ottimista.

Mah, alla fine ho avuto 28, è un periodo un po’ così… Tu però prendi il massimo, sei fortissimo!”. E poi ti bocciano. 

 

  1. GastoneGastone

Non sa niente e ne va fiero. Lo zio lavora in banca e gli ha già garantito un posto: la laurea è solo una formalità necessaria.

Ad una settimana dall’esame lo salvi dal coma etilico trascinando a casa ciò che rimane di lui dopo un festino alcolico. Non contento, il restante tempo lo passa a ballare in un locale diverso per ogni giorno della settimana, poi torna a casa e dorme. Si iscrive all’esame senza tante speranze, ma non è importante. Ascolta quattro domande e impara altrettante risposte: gli saranno chieste proprio queste e prenderà pure un buon voto. Prenotata già la birretta in onore del professore.
Non capirai mai se è raccomandato o se è semplicemente fortunato. Sai solo che il prossimo interrogato sei tu ed il tuo nome l’ha appena pronunciato quell’assistente rettiliano che ascoltava il tuo discorso con l’amico complottista. Ahia.

Stasera tutti a Bellini, offro io!

 

 

  1. Gufowitch

 

E’ silenzioso. E’ ovunque. E’ forse anche tuo amico. Ti odia perché hai il maglione più bello del suo. Ti odia perché la tua penna è più blu della sua. Ti odia perché hai parlato con la ragazza che gli piace. Ti odia perché esisti, ma tu non sai che esiste lui. Il suo odio si concentra in una formula magica, in riti voodoo condotti nelle più segrete grotte nascoste sotto la sua casa.

Finché non ti incontra per i corridoi: “Allora, quando fai l’esame?” “lunedì prossimo” “Andrà alla grande!”.

 

Dopo aver scoperto i peggiori, seguiteci per l’elenco dei 10 migliori compagni da trovare a Giurisprudenza!

-Federico Quagliuolo

Author: Federico Quagliuolo

Diplomato al Liceo Sannazaro, ora studio Giurisprudenza all'Università Federico II. Amo i gatti, la fotografia, la Vespa e il Napoli. Finalista nel 2011 e 2012 per il premio nazionale di giornalismo Alboscuole, ho lavorato per numerose testate locali, fra cui Il Denaro e l'Inchiesta Napoli. Innamorato dei segreti e delle leggende antiche, condivido la mia passione sul mio sito web, Storie di Napoli. Sognando di poter diventare un giorno un bravo scrittore, mi ispirano le Vite di Guccini ed i romanzi di Ferdinando Russo. Leggimi su www.storiedinapoli.eu!

Share This Post On

Rispondi