DIRITTO TRIBUTARIO INTERNAZIONALE E COMUNITARIO

DOCENTE: Chiara Fontana

RIFERIMENTI: chiara.fontana@unina.it

RICEVIMENTO: Martedì dalle 10:30 alle 13:30 Sezione Finanza Pubblica, Edificio di Via Porta di Massa, 32 (9° piano)

ORARIO DELLE LEZIONI: IL CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO INTERNAZIONALE E COMUNITARIO AVRA’ INIZIO IL PROSSIMO 3 MARZO, ALLE ORE 10.30 PRESSO LA SEZ. DI FINANZA PUBBLICA, IN VIA PORTA DI MASSA, 32 (NONO PIANO).

LE MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELLO STESSO E IL PROGRAMMA DI STUDIO DESTINATO AI CORSISTI SARANNO RESI NOTI DURANTE LA PRIMA LEZIONE.

E’ CONSIGLIATA L’ISCRIZIONE PRIMA DELL’INIZIO DEL CORSO.

PROGRAMMA: Pagina docente

PROPEDEUTICITA’: nessuna

OBIETTIVI FORMATIVI

L’esame a scelta dovrebbe essere un’opportunità di approfondimento per lo studente,al fine di dare le basi per quel che sarà il suo indirizzo futuro. Diritto Tributario Internazionale e Comunitario è una materia nuova,particolare e settoriale e si basa su una serie di principi generali intorno ai quali ruota la fiscalità internazionale più un approfondimento sulla dimensione europea del diritto tributario.Il programma con molta probabilità sarà quello dell’anno scorso (Tassani-Di Pietro),ma il testo è indicativo:si può scegliere un testo alternativo,l’importante è conoscere gli argomenti (indicati su docenti unina).
La cattedra resta sempre disponibile per qualsiasi chiarimento:inoltre si preferisce concordare via mail con lo studente un appuntamento per il ricevimento.

In una prospettiva di diversificazione del percorso formativo,qual è l’utilità di quest’esame nel post-laurea?
Il nostro settore offre varie opportunità.Basti pensare alle istituzioni comunitarie,l’ambito sovranazionale,ma anche per le professioni tradizionali (avvocato,magistrato,ecc) avere una competenza in ambito tributario risulta molto importante: i principi su cui verte vengono utilizzati dai giudici alla base delle loro sentenze.Ancora,abbiamo la figura del consulente legale che,avendo conoscenze in materia di aiuti di stato,può essere molto d’aiuto per l’azienda per cui lavora;inoltre tanti ragazzi fanno lavori di ricerca e stesura tesi all’estero in queste materie (es,divieto di doppia imposizione,comparazione della fiscalità,ecc.)ed infine ci sono i concorsi pubblici.Quindi per chi è preparato lo spazio c’è,ma bisogna avere anche elasticità mentale e capacità di destreggiarsi in determinate situazioni.

Vittorio Inno

Author: Francesca Bellisario

Share This Post On

Rispondi