CORSO DI ORIENTAMENTO POST LAUREAM DI DIRITTO AMMINISTRATIVO

Al termine dell’università, il più delle volte ci si sente pronti per spiccare il volo. Si ha voglia di un percorso nuovo, ma non sempre le strade appaiono perfettamente delineate per tutti. Per questo l’orientamento post lauream è sempre stato un tema delicato. Cogliere le istanze dei ragazzi e saperli indirizzare, sotto molti aspetti, non è certo cosa di poco conto.

Questa volta lo scopo dell’incontro del 3 Maggio, tenutosi presso il Dipartimento di Diritto Amministrativo(via Mezzocannone 16), con l’aiuto della prof.ssa Renata Spagnuolo Vigorita, era duplice: fornire agli studenti informazioni utili per la individuazione e la preparazione di concorsi in cui è indispensabile la conoscenza del diritto amministrativo e allo stesso tempo avvicinarli al mondo del lavoro, consentendo loro di confrontarsi con figure professionali operanti in diversi settori della Pubblica Amministrazione.

Prima a prendere la parola, in ordine di tempo ed esperienza, è stata la dott.ssa Ivana Nasti, direttrice delle risorse umane e formazione, autorità per le garanzie nelle comunicazioni. La sua strada è partita dalla scuola di specializzazione in diritto amministrativo, che ora non esiste più. Contemporaneamente studiava per il concorso in magistratura, collaborava in uno studio legale e scriveva pubblicazioni. Il tempo le ha fatto capire che forse il concorso in magistratura non le interessava veramente e dopo i primi concorsi per la dirigenza, nel 2008 è entrata a far parte dell’ufficio reclami. Il lavoro era tanto, ma dice di aver fatto di necessità virtù fino a raggiungere la carica attuale e invita a ripensare al ruolo delle AAI in una chiave nuova.

Subito dopo interviene la giovanissima dottoressa di ricerca Ida Perni, laureata in diritto amministrativo. Un’esperienza più breve forse, ma non meno significativa. Racconta con entusiasmo di essersi occupata, in seguito al praticantato per sei mesi nell’anti-trust, della tutela del consumatore nel settore delle comunicazioni. Invita ad essere fiduciosi: chi semina, prima o poi raccoglie!

Giuseppe Nappo, invece, idoneo al concorso Avvocatura di Stato, spiega come funzionano i concorsi e la differenza fra concorso in avvocatura e quello in magistratura. Non esita a far sorridere, riportando vivacemente le tantissime peripezie che ha affrontato durante la pratica in uno studio civile e poi nel frequentare la Sspl. Punta l’attenzione soprattutto sulla concorrenza spietata e sulla preparazione che deve esserci alla base si ogni nuovo cammino.

Il loro appello? Non scoraggiarsi mai, darsi da fare e cogliere le occasioni che si presentano!

                                                                                                                                         

-Caterina Bracciano

Author: Caterina Bracciano

Share This Post On

Rispondi