Corso di Medicina Legale: un trimestre da protagonisti di CSI

Chiunque vanti di essere un “fine” spettatore del piccolo schermo, non può non menzionare nel proprio curriculum di esperto maneggiatore del telecomando, la conoscenza delle vicende della serie televisiva CSI, le cui puntate ruotano intorno alle indagini della squadra del “turno di notte” della polizia scientifica di Las Vegas. Esiste, incredibilmente, un filo rosso che collega ed accomuna questa fiction americana ad uno degli insegnamenti a scelta dello studente impartiti pressa la Facoltà di Giurisprudenza della Federico II: l’esame di “ Medicina Legale e delle Assicurazioni”.

La ricerca delle prove per collegare crimini e loro esecutori, avvalendosi di tutti i mezzi offerti dalla tecnologia, dalla scienza e dalla razionalità, risulta essere il  principale scopo sia dei protagonisti della squadra di CSI, sia degli studenti che si accingono allo studio della Medicina Legale.

Come accade nella fiction, la “ squadra” degli studenti forensi  viene  educata a risolvere i crimini esaminando le prove. Perlustrare la scena del crimine, raccogliere  indizi  e trovare i pezzi mancanti che risolveranno il mistero, divengono i cardini del  corso di medicina Legale. Se a ciò, poi, aggiungiamo la preparazione e la consolidata esperienza del titolare di cattedra, il Professor Claudio Buccelli, ordinario di Medicina Legale, e dell’avvocato Sabatino Romano, ci si rende conto che tra la fiction e l’insegnamento universitario, intercorre un’unica, sottile differenza: l’ambientazione delle vicende che nella serial tv è data dalla cittadina di Las Vegas, mentre il corso di Medicina Legale è impiantato presso la sede di Porta di Massa della Facoltà di Giurisprudenza. Questo dettaglio, del resto, non ha impedito a molti studenti di seguire con grande interesse le lezioni e di conoscere, durante lo svolgimento di un seminario sulla balistica, tenuto da un noto Procuratore della Repubblica, i diversi tipi di armi da fuoco e proiettili in commercio.

Medicina Legale si mostra essere, dunque, un esame davvero molto bello da studiare, grazie al quale, lo studente potrà sentirsi in parte un giovane avvocato ed in parte un Horatio Caine, misterioso e affascinante, animato dalla voglia di conoscenza e dalla sete di verità.

 

-Antonia Conte

Author: StudentiGiurisprudenza.it

STUDENTIGIURISPRUDENZA.IT L'Associazione degli Studenti di Giurisprudenza della Federico II Napoli

Share This Post On

Rispondi